Il primo “Tricolore” della stagione : Vincono le Aquile Ferrara, ma solo per un punto

Gli estensi si impongono in una partita equilibratissima dominata dalle difese

Si è giocata allo Speroni di Busto Arsizio la finale del Campionato Italiano diFootball a 9 giocatori. La prima finale della stagione 2011 ha visto di fronte iCr

usaders Cagliari, vincitori della Conference Sud e le Aquile Ferrara,campioni della Conference Nord.

Le due squadre hanno dato vita ad una partita intensa e, seppur molto fisica,mai trascesa. Crusaders ed Aquile, con i sardi “estratti” Home Team, hannoschierato due difese aggressive e sempre attente. Gli attacchi hanno segnatosolo grazie a due big play per parte. Nel secondo quarto prima Romagnolipesca Ghironi con un tdpass di 81 yards, al quale hanno subito risposto i Crusaders con il kickoff riportato direttamente in end zone da Matia Pisu. Nell’ultimo periodo segnano prima i Crusaders, con un’azione fotocopia diquella del td delle Aquile, un passaggio di Moccia per Giraldi da 68 yards alquale rispondono le Aquile, non sul kickoff return, ma sull’azione successivacon una screen per Mingozzi. La differenza la fa il calcio addizionale diRoberto De Marco, centrando i pali nell’unica trasformazione andata a buonfine della partita. A pochi spiccioli dalla fine sarà un “quasi sack” di FrancescoAmore sul qb dei Crusaders Moccia a costringere il qb isolano ad un lancioimpossibile, intercettato da Matteo Ghironi che chiude il match.

Soddisfazione in Federazione per lo svolgimento del campionato. FabioTortosa, il commissioner del CIF-9: “E’ stato un campionato esaltante. Le 35squadre partecipanti hanno dato vita ad un totale di 120 partite. Una cifraenorme, numeri che sino a qualche anno fa sarebbero stati impensabili…L’attenzione riposta verso questa categoria da partedel Consiglio Federale sta dando, e continuerà a dare,i frutti sperati.” Due parole sulla finale sono d’obbligo: “Difese sugliscudi e attacchi che hanno pagato lo scottodell’emozione, verrebbe da dire. O forse, conoscendogli allenatori, attacchi “vittime” dello studio maniacaleche due tecnici di assoluto livello come Clarkson(Crusaders) e Mantovani (Aquile) hanno fatto deirispettivi avversari. La partita si è risolta grazie alcuni big play, e Matteo Ghironi, protagonista di due di questi giochi chiave, si èmeritato senza dubbio il titolo di MVP.”

Ad impreziosire la cornice, la partita di beneficenza tra I ‘padroni di casa’ deiBlue Storms (cui la Federazione ha affidato l’organizzazione dell’evento) e gliOldies for Solidarity, formazione di ‘vecchie glorie’ da tempo impegnata inprogetti di solidarieta’. Parte dell’incasso (oltre 800 euro) e’ stato devoluto alreparto di pediatria dell’A0 di Busto Arsizio ed a ricevere l’assegno, a fineserata, dalle mani dei due presidenti (Alessandro Di Lorenzo e FulvioBacchiocchi) e’ scesa a centro campo il primario della Pediatria, dott.aSimonetta Cherubini, visibilmente emozionata.

Ma la festa del football non e’ finita sabato sera: oggi, infatti, sempre alloSperoni, sono andate in scena le finali del Campionato Italiano Flag FootballJunior e, questa volta, a contendersi il titolo c’e’ anche la formazione U15 deiBlue Storms. I terribili Blue Kids, infatti, hanno sconfitto in semifinale IChihuaua Verona con un sonoro 40 a 6 e ora puntano dritti al terzo titolodella loro storia! Nella finale del torneo Under 15 vincono il titolo i BlueStorms che si impongono sui Leoni Udine 13-0, mentre nella finale Under 13 iDaemons battono i pari età Rhinos 38 a 20.