Comunicato Fidaf del 9 settembre L'emergenza sanitaria mondiale non è finita, come tutti sappiamo. Occorre mantenere la guardia alta ma ripartire, anche nel settore sportivo, è importante e farlo in sicurezza è un'assoluta priorità per la nostra Federazione che, pochi minuti fa, ha pubblicato sul sito federale, nella sezione Documenti e qui in allegato, i due Protocolli redatti per consentire la ripresa effettiva sia... Comunicato Ufficiale n. 11 del 05 marzo 2020 Segreteria Federale La FIDAF, visto l’art. 1 commi b) e c) del DPCM del 04 marzo u.s., considerato che la priorità della Federazione è salvaguardare la salute degli atleti, dirigenti, tecnici delle Società affiliate e di tutte le figure federali, dispone la sospensione di ogni attività dalla data odierna e fino al 15 marzo p.v. compreso. Sarà compito della COGC... “Ricomincio da 3”: i Blue Storms pronti per una nuova stagione all’insegna del rinnovamento Imparare a ricominciare, questo l’imperativo dei Blue Storms che, dopo una stagione 2019 al di sotto delle aspettative agli ordini di Coach Wayne Anderson Jr., sono riusciti a rinnovarsi profondamente per ripartire con grinta ed entusiasmo. 23 febbraio 2020in  3° divisione guidati da nuovo Coaching Staff e CDA Si ricomincia sì dalla 3° divisione, così come sancito dal campo, ma con importanti novità a tutti... Tempeste da sogno nel Bowl di Bergamo Due giorni intensi ma ricchi di soddisfazione per il team femminile dei Blue Storms, che nel Bowl Interdivisionale di Bergamo vincono 3 delle 4 partite in programma e volano al quarto posto del ranking nazionale. Busto Arsizio, 17 giugno 2019 – Ottima prestazione delle ragazze di coach Di Lorenzo, che nell’ultimo Bowl della stagione regolare del Campionato Italiano di Flag... I Blue Storms pronti a voltare pagina Si è chiusa con una sconfitta contro la capolista di Seconda Divisione la stagione dei Blue Storms, usciti dal campo a Pero a testa altissima e pronti a voltare pagina.  Busto Arsizio, 27 maggio 2019 – Sabato sera, davanti ai Rhinos Milano, storica franchigia del football italiano, auto-retrocessi dalla Prima Divisione quest’anno e in vetta al ranking stagionale di Seconda...

BLUE-RHINOS AI PLAYOFF!

I Blue-Rhinos ai play offI Rhinos Milano volano ai playoff dei Campionati Under 16 e Under 19 dopo una domenica al cardiopalma.

Busto Arsizio, 2 dicembre 2014 – C’è chi sorride anche sotto la pioggia…
…sarà perché i rinoceronti, in fondo, amano le pozze di fango? Probabile, considerato quel che è successo domenica, con i campionati giovanili alla giornata conclusiva della regular season, sui campi del Vigorelli e del Centro Saini a Milano. Da una parte, la formazione Under 16 e l’ennesimo derby milanese contro i Seamen, dall’altra i Rhinos Under 19 e i Giaguari Torino. Due partite, due stati d’animo completamente differenti, con i più giovani già matematicamente qualificati per la fase finale e a punteggio pieno e i più “vecchi” a giocarsi tutto dopo le due pesantissime sconfitte nel derby.

A rendere le cose ancora più difficili (ma anche più spettacolari), le condizioni meteo: al Vigorelli il campo è in sintetico e le tribune coperte….ma il tempo tiene e i ragazzi tengono il campo, anche se con un po’ di affanno e chiudono l’incontro con la sesta vittoria su sei partite, per 14 a 0; al Saini, invece, più che un campo da gioco gli atleti di coach Paganucci si trovano davanti un’enorme pozza di fango e una pioggia forte ed insistente che li accompagnerà per tutto l’incontro. Tribune scoperte (naturalmente!), ma il tifo non manca perché per entrambe le squadre l’obiettivo sono i playoff. O dentro o fuori e l’atmosfera è caldissima fin dall’inizio, non importa il tempo che fa!

Giaguari e rinoceronti….lotta nella savana, verrebbe da dire…..ed è una lotta all’ultimo sangue, con le maglie che diventano tutte dello stesso colore, così come i caschi e i volti degli atleti in campo. Sono le difese a farla da padrone, perché in attacco si fa fatica ad avanzare. I giaguari varcano per due volte la metà campo e arrivano sufficientemente vicini alla end zone per tentare il field goal: il 6 a 0 arriva così e si va al riposo a metà tempo con un brutto presagio nell’aria. Ma si sa, i rinoceronti sono difficili da piegare e, come detto, il fango è il loro elemento: al rientro in campo sembrano un’altra squadra, sia in campo che sulla side line. Finalmente l’attacco riesce a chiudere qualche down…ma il TD sfugge per poche yard e si ricomincia da capo. La difesa si fa arcigna, concede sempre meno agli avversari (e qui non si può non menzionare uno dei ‘Blue Kid’ in prestito ai Rhinos, Christian Sottura, autore di una prestazione maiuscola!) e il turnover è dietro l’angolo.

Poi, improvvisamente, ecco la scintilla: al quarto tentativo, Marco Gangi (altro atleta dei Blue Storms in prestito a Milano), pronto per il punt, prende l’iniziativa e cambia gioco: chiude il down di corsa e, all’azione successiva, riceve un passaggio diretto da Pietro Elmi e si invola in end zone! Sei pari….ma c’è la trasformazione. I Rhinos ci provano da due e..Marco Gangi (eroe di giornata!) si ripete. Otto a 6….ma la partita è ancora lunga.
Riprende la guerra tra le difese, l’attacco fa quel che può e a 15 secondi scarsi dalla fine della partita, il gioco prende una piega che fa palpitare giocatori e spettatori. Un fallo personale in difesa concede ai giaguari di avanzare fino a 15 yard dalla end zone. C’è spazio per un altro field goal…La gente (almeno quella meno coraggiosa!) si gira dall’altra parte; sulla side line nero-arancio c’è chi chiude gli occhi e chi, probabilmente, inizia a pregare.
Parte lo snap…e il fango tradisce ancora una volta! La difesa blocca il calcio, l’arbitro fischia la fine della partita! La panchina milanese impazzisce di gioia, quella torinese resta impietrita sotto la pioggia! Questo è il football, signori!

Per l’Under 16, adesso, ci saranno tre settimane di riposo e l’accesso diretto alle semifinali. Per l’Under 19 il 14 dicembre sarà tempo di wild card (e al momento di scrivere ancora non si conosce il nome degli avversari). Per il settore giovanile dei Rhinos, la grande soddisfazione di essere riusciti a portare entrambe le formazioni ai playoff; per i Blue Storms la certezza di aver “allevato” atleti capaci di fare la differenza sempre e comunque.

Foto by Stefano Schwetz Photography

Per informazioni
Ufficio Stampa
Barbara Allaria
press@bluestorms.it