Busto Arsizio, 25 febbraio 2022 – Una nuova stagione sta per aprirsi, dopo un anno all’insegna della ripartenza e della ricostruzione, grazie anche ai giovani, i Blue Storms si affacciano al campionato Cif9 con una nuova linfa e tanta voglia di migliorarsi.

Abbiamo sentito il nostro head coach Marco Ferrari al suo secondo anno alla guida del team senior.

(Ufficio Stampa) Coach Ferrari dopo anni da giocatore il cambio di prospettiva da allenatore è un salto notevole, come ti vedi al secondo anno?

(Head Coach) La prospettiva da coach è completamente diversa, quando sei in campo hai poche cose da pensare e tante da fare mentre quando sei un allenatore devi pensare a tante cose e anche a metterle in pratica. Riuscire a coordinare tutte le attività da svolgere con tutti i collaboratori è sicuramente la parte più impegnativa, riuscire a incastrare le esigenze di giocatori, coach, dirigenti, preparatore, ecc è davvero snervante.

Credo di essere cresciuto molto soprattutto dal punto di vista caratteriale, sono sempre stato un ragazzo tranquillo e poco incline agli scontri, ma se vuoi farti sentire e importi con un gruppo di 30/35 ragazzi si doveva cambiare qualcosa. Ho cercato soprattutto di lavorare su questo, essere un pochino più autoritario.

Sul lato tecnico sto cercando di impostare un lavoro di crescita di tutti i nostri ragazzi giovani, aiutandoli con un gioco semplice ma che al contempo li aiuti a capire meglio il gioco del football.

Da questo punto di vista mi sta dando un grande aiuto Andrea Fimiani, nostro tesserato in prestito ai Guelfi Firenze, che mi assiste durante gli allenamenti, con la sua esperienza e conoscenza è come fare un corso intensivo tutte le volte.

(US) La squadra come si sta preparando alla nuova stagione?

(HC) Quest’anno fortunatamente abbiamo avuto la possibilità di allenarci fin dai mesi autunnali senza avere grossi problemi con il COVID. Abbiamo impostato una preparazione atletica mirata e una parte di rafforzamento muscolare sotto la guida di Alessia, la nostra osteopata.

Per la parte tecnica, sia in attacco che in difesa, abbiamo deciso di semplificare i playbook per rendere più facile l’apprendimento e nello stesso tempo lavorare di più sulla tecnica di base. Vogliamo che questi ragazzi in primis imparino le basi e soprattutto si divertano.

(US) Le giovanili della flag sono linfa vitale per tutte le squadre, i nostri giovani stanno dando tante soddisfazioni tanto che alcuni di loro sono stati chiamati dai team della nazionale, un tuo pensiero su di loro?

(HC) Ogni movimento sportivo per essere sorretto ha bisogno di basi forti, e queste sono i giovani. Il nostro sport purtroppo non ha grande visibilità e quindi per poterlo diffondere ha bisogno di tanto impegno. Come società abbiamo sempre cercato di valorizzare il settore flag e il settore giovanile che ci hanno sempre dato grandi soddisfazioni. Ricordiamo come i nostri Fimiani, Sottura, Gangi e ora Kolonna, Tovaglieri, Hettiarachchige e Carboni sono tutti ragazzi che hanno mosso i primi passi nel flag per poi passare al tackle.

Come società quest’anno avremo una squadra Flag U17 ma speriamo nei prossimi anni di poter aumentare i team junior. Per quanto riguarda il settore giovanile siamo un po’ rammaricati di non essere riusciti ad organizzare una squadra giovanile in casa ma siamo molto orgogliosi dei risultati che i nostri ragazzi hanno raccolto con le squadre in cui hanno militato per i campionati U18 e Coppa Italia.

Tovaglieri e Kolonna hanno raggiunto la finale del campionato Coppa Italia con i Rhinos Milano mentre Hettiarachchige e Carboni sono arrivati in semifinale del campionato U18 con i Lions Bergamo. Inoltre questi ultimi sono stati anche convocati per i raduni della nazionale della stessa categoria.

(US) Aspettative della nuova stagione?

(HC) La stagione inizierà il 20 marzo con la partita in casa contro i Lancieri Novara che compongono il girone insieme ai Blitz Balangero e agli Alfieri Asti.

Conosciamo bene tutte e 3 le compagini e sappiamo che ogni partita sarà una battaglia dove cercheremo di portare a casa la vittoria. Se devo fare un pronostico direi che i Blitz sono i favoriti di questo girone visto quello che hanno mostrato l’anno scorso e il cammino di crescita degli ultimi anni. Noi vogliamo giocarcela con tutti sempre e comunque divertendoci.

Teniamo a ricordare inoltre che il settore giovanile brilla anche al femminile, Elisa Auriemma cresciuta nelle fila delle nostre squadre Under 15 e Under 17 a settembre ha vinto con la nazionale Italiana il campionato Europeo svoltosi a Grosseto.

In ultimo siamo fieri e orgogliosi anche delle Tempeste, squadra femminile Flag, che oltre a distinguersi con ottime prestazioni sul campo può contare anche sull’atleta della nazione Alice Fimiani pluri-convocata per le partite e i raduni della squadra italiana.

Ph Finotti Daniele

Ufficio Stampa Blue Storms Davide Piloni